L’Associazione culturale di Promozione Sociale N38E13 presenta il lavoro di VVVB, ospite della prima micro- residenza del progetto. L’opera prodotta resterà esposta all’interno della stanza di riferimento, N38.1104 E13.3656 (langue/parole), fino all’avvio del nuovo programma di micro-residenze. Successivamente l’opera entrerà a far parte di una collezione-archivio; all’interno della stanza verrà conservato, invece, un archivio inerente i processi e la documentazione della produzione.

Ospite della prima micro-residenza è il collettivo artistico bolognese VVVB che rifletterà sul concetto di paesaggio attraverso il linguaggio verbale e il sistema di scrittura. L’opera prodotta verrà presentata il 21 luglio e resterà esposta all’interno della stanza di riferimento, N38.1104E13.3656 (langue/parole), fino all’avvio del nuovo programma di micro-residenze. Successivamente l’opera entrerà a far parte di una collezione-archivio; all’interno della stanza verrà conservato, invece, un archivio inerente i processi e la documentazione della produzione.
La residenza di VVVB inaugura il ciclo di quattro micro-residenze, della durata di una settimana.
Il programma prevede un soggiorno all’interno di N38E13, presso stanze-laboratorio, ognuno dei quali dedicato ad uno specifico medium:
N38.1106 E13.3654 (foto/video)
N38.1107 E13.3653 (sound)
N38.1103 E13.3651 (pittura/arti grafiche, scultura/installazione)
N38.1104 E13.3656 (langue/parole)
L’attività di VVVB all’interno di N38E13 si concentra sui codici verbali e l’attività di scrittura intesi come fondamenti strutturali per la formazione di un paesaggio. VVVB attraverso un’analisi/viaggio partendo dalla contaminazione di differenti registri linguistici arriva ad una creazione di un codice secondario, passando attraverso la decodifica di testi tra cui Viaggio in Italia di Goethe. Il collettivo bolognese elabora, infine, una riflessione sull’aspetto puramente segnico del linguaggio partendo dal legame che unisce fonemi e concetti, simboli e grafemi.
 VVVB nasce a Bologna nel 2011 come gruppo di artisti anonimi. Alla base di quest’idea vi è la necessità di creare un sodalizio intellettuale, senza una connotazione ideologica specifica. Di conseguenza VVVB è un gruppo aperto, che accoglie di volta in volta le proposte e i progetti di diversi artisti e curatori. Questo modus operandi consente, sia di rispettare le personali ricerche artistiche di chi aderisce al gruppo, sia di creare operazioni stilisticamente ibride e libere dall’esigenza della “riconoscibilità”. VVVB viene inizialmente ideato da un gruppo di artisti dopo aver avviato una serie di collaborazioni concretizzatesi in diverse esposizioni. Dal 2012 VVVB gestisce uno spazio espositivo all’interno del progetto Senza Filtro, area di espressione culturale a disposizione delle associazioni bolognesi.
ACCESS LANDSCAPE ACCESS 
progetto di N38E13 aps

Download Attachments